To the top button
Donate ora

Occasione per le donazioni

Occasione del regalo

Nascita

  • Nascita
  • Compleanno
  • Altro

Faccio una donazione

Intervallo di donazione

Mensile

  • Mensile
  • Trimestrale
  • Semestrale
  • Annuale

Importo

CHF

Bitte Betrag wählen oder eingeben

La vostra donazione sostiene i programmi della Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera. Grazie mille.

I PAESI AL CENTRO DEL NOSTRO OPERATO

Rimanga al corrente di ciò che accade nei programmi di SOS Villaggi dei Bambini, dell’impatto delle vostre donazioni e di come si sta evolvendo la situazione politica ed economica nei paesi in cui operiamo.

Etiopia

Il 2 novembre, a Nairobi, in Kenya, è stato firmato un accordo di pace tra le parti in conflitto nella guerra civile. Da gennaio, i convogli possono viaggiare attraverso quattro corridoi aperti nelle regioni di Afar e Amhara. Due volte alla settimana, voli umanitari con forniture di soccorso e aiutanti raggiungono la capitale regionale Mekelle. Dal Villaggio SOS per bambini di Mekelle si apprende che la vita sta lentamente tornando alla normalità. Tuttavia, la situazione è catastrofica:

  • Alti tassi di malnutrizione tra i bambini sotto i cinque anni e le madri in gravidanza e in allattamento.
  • Le strutture scolastiche e mediche sono completamente o parzialmente danneggiate.
  • Bambini, donne e adolescenti hanno vissuto situazioni traumatiche e hanno urgentemente bisogno di sostegno psicosociale.
  • Il numero di casi di violenza sessuale e di genere tra le donne e i bambini è estremamente elevato.

Il programma di aiuti d’emergenza sul campo prevede di raggiungere 20.000 persone in una prima fase.

Dona ora per l'Etiopia

Nicaragua

– In Nicaragua la situazione per le ONG continua a peggiorare. Negli ultimi anni, il governo ha messo al bando e, dove possibile, espulso dal Paese più di 3’000 organizzazioni senza scopo di lucro.

– A causa delle catastrofi naturali ricorrenti come le inondazioni, il massiccio rincaro e la crescente fuga della popolazione, la situazione per gli abitanti che rimangono nel Paese si sta aggravando notevolmente. Per questo è ancora più importante che SOS Villaggi dei Bambini Svizzera possa continuare ad essere attiva e fornire l’aiuto necessario con i propri programmi nel Paese.

Donate ora per le giovani madri in Nicaragua

Lesotho

– Le elezioni parlamentari di ottobre sono state indette dal partito di Sam Matekanes, l’uomo più ricco del Paese. Il partito fondato a marzo 2022 forma il nuovo governo con due partiti minori. L’ex partito di governo ABS è riuscito a conquistare solo otto dei 120 seggi in parlamento.

– Anche nel 2022 i partecipanti al nostro programma di formazione per i giovani in Lesotho hanno concluso o iniziato la propria formazione. Nel video due ex partecipanti raccontano il loro percorso di successo verso l’indipendenza.

Per saperne di più sul Lesotho

Nepal

– Nell’ultimo viaggio sul campo in Nepal, la responsabile dei programmi Erika Dittli e Cornelia Krämer, responsabile della comunicazione, hanno visitato le nostre attuali sedi, arricchendosi di molti ricordi e sensazioni. Maggiori informazioni saranno disponibili a breve qui, sui nostri canali di social media e nel nostro blog.

– Il 24 gennaio è la Giornata Internazionale dell’Istruzione. Per i bambini, accedere a un’istruzione di qualità non è solo un diritto, ma anche il presupposto per poter plasmare il proprio futuro in autonomia. A Bharatpur, in Nepal, SOS Villaggi dei Bambini Svizzera ha avviato lo scorso anno un nuovo progetto volto a promuovere la frequenza scolastica anche nelle zone più povere della città. L’obiettivo a lungo termine è quello di aumentare la percentuale di bambini e adolescenti iscritti a una scuola dal 60 al 90%. Maggiori informazioni sono disponibili nella rivista ZOOM-SOS.

Per saperne di più sul Nepal

Niger

– Oltre alla crescente presenza di gruppi terroristici, è soprattutto la forte inflazione a causare un’indigenza sempre maggiore tra la popolazione. Al momento almeno 300’000 bambini soffrono di malnutrizione e la carestia persistente spinge molte famiglie a indebitarsi, a vendere i loro ultimi averi o a fuggire. Gli effetti si faranno sentire anche nel 2023, indipendentemente dall’inflazione.

Per saperne di più sul Niger

Scopra i traguardi che stiamo raggiungendo insieme nella nostra newsletter