To the top button

09.12.2021 Attualità Programma di aiuti Tutti Una comunità contro l’abbandono

  • Categorie
  • Regione

Le madri minorenni sono troppo spesso abbandonate a se stesse. Questo è ciò che è successo anche a Indira del Nicaragua che è rimasta incinta a 15 anni del suo fidanzato violento. Senza istruzione e senza prospettive, Indira ha dovuto prima imparare a essere una madre amorevole.

Indira, 19 anni, del Nicaragua, ha due bambini, Marta di cinque anni e Luca di cinque mesi. Indira non è andata a scuola né ha mai lavorato. Aiutava sua madre in casa e ha cresciuto Marta e Luca da sola. Anche se i suoi figli sono ora il suo orgoglio e la sua gioia, Indira ha avuto momenti difficili e ha imparato a gestire correttamente le sue responsabilità solo con gli incontri di SOS Villaggi dei Bambini per giovani madri.

Relazioni difficili e gravidanze indesiderate

Quando Indira rimase incinta per la prima volta a 15 anni, il suo mondo crollò. I suoi sogni professionali svanirono nel nulla perché fu costretta ad abbandonare la scuola secondaria per prendersi cura di sua figlia.

La madre e il fratello di Indira l’hanno sostenuta come meglio potevano. Tuttavia, il suo fidanzato violento l’ha lasciata prima che Marta nascesse e si è trasferito in Costa Rica. Quattro anni dopo, il padre di Luca ha fatto lo stesso.

«Ho brutti ricordi delle gravidanze», racconta Indira. «Entrambe le volte è stato come uno schiaffo in faccia e non volevo i bambini.»

Amore invece di abbandono

Essendo una madre così giovane, Indira era completamente sopraffatta. A causa dello stress, il suo rapporto con la figlia è quello che ha sofferto di più. Indira picchiava Marta perché pensava che fosse una parte normale dell’essere genitore. Ha trascurato i bisogni emotivi e fisici dei suoi figli a causa del suo stress.

SOS Villaggi dei Bambini si è interessato alla situazione e ha invitato Indira a un incontro per madri minorenni. Indira ci è andata e per la prima volta si è sentita veramente compresa. Ha deciso, così, di continuare ad andare alle riunioni. Lì ha imparato a rispettare i suoi figli e a trattarli con amore. È stata istruita sui suoi diritti e su quelli dei suoi figli e ha ritrovato la fiducia in se stessa e la speranza.

Coraggio per il futuro

Indira partecipa a queste riunioni ancora oggi. Le giovani donne hanno fatto amicizia, si scambiano informazioni tra di loro e di tanto in tanto si occupano anche dei figli delle altre. Nel frattempo, Indira ha anche completato la scuola secondaria. Vuole aprire una sua attività, preferibilmente una che abbia a che fare con la cucina o il cucito.

I suoi figli significano per Indira più di qualsiasi altra cosa adesso. Vuole aiutarli a realizzare i loro sogni e sostenerli amorevolmente nella vita.

«Il mio consiglio alle altre giovani madri: non arrendetevi», dice. «Anche se una donna diventa madre, può ancora perseguire i suoi obiettivi, continuare gli studi o avviare un’attività. È faticoso e a volte opprimente, ma noi donne siamo forti. Avere figli ti cambia la vita, ma è un cambiamento bellissimo.»

Fermare l’abbandono per realizzare i sogni

Aiutateci a sostenere le giovani madri e i loro bambini come Indira, Marta e Luca. Nell’attuale campagna di crowdfunding di SOS Villaggi dei Bambini Svizzera, potete contribuire a cinque pacchetti concreti per fermare o prevenire l’abbandono. Qui potete saperne di più e sostenere direttamente le misure.