To the top button

20.11.2021 Attualità Diritti dei bambini Tutti In tutto il mondo Riconoscere i segni della negligenza verso i bambini

  • Categorie
  • Regione

La giornata mondiale dei diritti dei bambini di oggi è dedicata al tema della negligenza nei confronti dei bambini, perché quest’ultima spesso avviene in modo insidioso e invisibile e si traduce sempre in una violazione dei diritti dei bambini. Quindi, come si fa a riconoscere e a impedire casi di negligenza verso i bambini? 

Dimenticarsi di imburrare il panino o alzare la voce più del solito in situazioni di grande stress: non tutti gli errori della vita familiare quotidiana trasformano direttamente i buoni genitori in cattivi, ma semplicemente in persone. Tuttavia, se le mancanze di cure o le ferite emotive si accumulano, si potrebbe sfociare in dolorose ripercussioni a lungo termine per i bambini. 

In generale, si distinguono due diversi tipi di negligenza: fisica ed emotiva. La negligenza nasce spesso dall’ignoranza o dal troppo lavoro da parte dei genitori o di chi si prende cura di loro. In un’intervista, Britt Horn, una psicologa qualificata presso il centro famiglie SOS di Berlino, ci ha raccontato le sue esperienze professionali. Per esempio, come nasce lo stress nelle famiglie, come si manifesta e come i genitori possono essere sostenuti per arrivare alla radice dei problemi che causano stress e negligenza e porvi fine. 

Negligenza emotiva e fisica

Quando i bambini devono fare a meno delle cure affettive, dell’amore e della promozione della loro personalità, le conseguenze saranno meno visibili della malnutrizione, della violenza o della mancanza di igiene. A lungo termine, tuttavia, gli effetti di entrambe le forme di negligenza sono ugualmente gravi. 

Negligenza emotiva: 

  • mancanza di attenzioni 
  • insulti 
  • urla e minacce 
  • ritiro arbitrario dell’amore 
  • attribuzione di colpe 

Negligenza fisica: 

  • debolezza dovuta all’insufficiente apporto di cibo e bevande 
  • vestiti sporchi o non adatti alle condizioni meteorologiche 
  • scarsa igiene
  • lesioni ricorrenti 
  • abbandono 

Ferite che guariscono con difficoltà 

Le conseguenze della negligenza sono purtroppo tanto molteplici quanto durature. A breve termine, queste si manifestano con disturbi nelle abilità motorie, nel linguaggio, ma anche nell’interazione con gli altri bambini e gli altri esseri umani. Quanto più a lungo e gravemente i bambini vengono trascurati, tanto più profondamente le conseguenze si radicheranno anche nella loro vita. Esse si protraggono infatti nella vita adulta e hanno urgente bisogno di essere rielaborate. 

È quindi fondamentale che SOS Villaggi dei Bambini e altre ONG che lavorano nel campo della protezione e del benessere dei bambini adottino azioni preventive. Questo significa, da un lato, riconoscere i casi di negligenza il più presto possibile e, dall’altro, eliminarne le cause. Per questo motivo, SOS Villaggi dei Bambini utilizza le donazioni per le seguenti misure, tra le molte altre in atto: 

  • Corsi per genitori: corsi di educazione non violenta e di sensibilizzazione per i diritti dei bambini, educazione 
  • Comitati per la protezione dei bambini: punto di contatto in casi sospetti 
  • Programmi organizzativi: discussione su argomenti che riguardano direttamente o indirettamente i diritti e la cura dei bambini
  • Consulenza psicologica 

Obbligo di denuncia: cosa si applica in Svizzera? 

Spesso ci si sente molto inibiti a segnalare una situazione potenzialmente pericolosa per il benessere del bambino, poiché prevale la paura di sbagliare e di causare tanto dolore a una famiglia. Tuttavia, non fare nulla in caso di sospetto fondato è molto più grave. Per i bambini interessati, ciò sfocia in ferite emotive o fisiche, a volte entrambe, la cui guarigione diventa più complicata ogni giorno che passa. 

Il 1° gennaio 2019 sono state introdotte nuove regole legali riguardanti chi ha il dovere di riferire alle Autorità statali per la protezione dei minori (APMA). Secondo la Protezione dell’Infanzia Svizzera, 

  • i professionisti di settori specifici 
  • e coloro che vengono a conoscenza di un tale caso nel corso delle loro funzioni ufficiali 

hanno il dovere di segnalare questi casi. Per informazioni più dettagliate sulle definizioni di questi professionisti, le hotline esistenti e i regolamenti in vigore, si veda Protezione dell’Infanzia Svizzera. 

Vi piacerebbe promuovere la protezione dei bambini in tutto il mondo? Nel nostro shop donazioni troverete pacchetti di aiuti rilevanti, per esempio per la formazione di un esperto di diritti dei bambini, e con la vostra 
donazione potrete quindi contribuire a proteggere i bambini in difficoltà.  

In tutto il mondo sempre più bambini soffrono di atti di negligenza 

Se la vita familiare quotidiana è sempre una sfida, molte volte questa è ancor più grande nelle regioni di crisi. La povertà, i conflitti e i disastri naturali sono gravi fattori che pesano sulle famiglie a breve e lungo termine. La pandemia di coronavirus ha esacerbato la situazione. Questo vale anche per i progetti nei paesi su cui si concentra l’operato di SOS Villaggi dei Bambini. Come risultato dell’ondata particolarmente grave di coronavirus in Nepal, per esempio, molti bambini hanno perso i loro genitori o altre persone di riferimento. In Etiopia, invece, la guerra civile sta costringendo la gente a fuggire e a separare le famiglie. 

Questo rende ancora più importante che SOS Villaggi dei Bambini intensifichi il suo lavoro in loco. Nel nostro lavoro, dipendiamo in grande misura dalla vostra solidarietà. Grazie soprattutto al sostegno regolare attraverso le sponsorizzazioni, possiamo pianificare a lungo termine e migliorare durevolmente la vita dei bambini e delle famiglie nei nostri progetti.  

Volete sostenere il nostro lavoro? Abbiamo lanciato cinque pacchetti in una campagna di crowdfunding unica per SOS Villaggi dei Bambini Svizzera. Donate ora e date una mano a fermare gli atti di negligenza.

Responsabile del contenuto:

David Becker

Rapporti sull'impatto dei nostri progetti e i singoli destini che li accompagnano sono ciò che mi motiva ogni giorno a fare ricerca e a scrivere.

Informazioni sulla persona
indietro