To the top button

06.08.2021 Attualità Tutti Europa Καλώς ήρθατε στην Ελλάδα ovvero «Benvenuti in Grecia»

  • Categorie
  • Regione

Il nostro responsabile programmi Urs Bernhard racconta il suo primo viaggio per un progetto dopo lo scoppio della pandemia di coronavirus. In Grecia incontra Antigone e Afrodite.

Dopo un buon anno e mezzo di distanziamento sociale, a metà luglio ho avuto di nuovo la possibilità di fare un’esperienza al di fuori dei confini nazionali. Ad essere sincero, ero un po’ nervoso prima del viaggio. Le immagini di migliaia di rifugiati che sono diventati pedine nella politica di confine tra Turchia e Grecia sono ancora vivide. Lo stesso vale per il campo profughi in fiamme a Lesbo o i «respingimenti» di barche di profughi da parte della guardia costiera greca mostrate recentemente dai media. Messo a confronto con le indicibili paure e difficoltà che devono affrontare i rifugiati nel loro viaggio verso la Grecia, il mio nervosismo ha perso rapidamente la sua ragion d’essere.

Nel mio viaggio di una settimana, visito tre sedi del programma di SOS Villaggi dei Bambini in Grecia: i centri di formazione di Creta e Salonicco e il centro sociale con laboratorio di cucito ad Atene. Dall’acuta crisi dei rifugiati nel 2015, SOS Villaggi dei Bambini sostiene in Grecia i bambini vulnerabili e le loro famiglie con status di richiedenti asilo o di rifugiati sulle isole e sulla terraferma. Dalla Svizzera, con l’aiuto della Segreteria di Stato della migrazione (SEM), forniamo un contributo per l’alloggio e l’integrazione dei bambini. Lo scopo del viaggio era quello di avere un quadro del lavoro sul territorio in modo da poter informare i nostri partner in Svizzera.

Durante il lockdown, le aule ben attrezzate dei centri sociali SOS sono rimaste vuote. Heraklion, Creta.

Durante il lockdown, le aule ben attrezzate dei centri sociali SOS sono rimaste vuote. Heraklion, Creta.

Visita al centro di formazione professionale SOS sull’isola di Creta

Al centro di formazione professionale SOS di Creta, assisto alle lezioni di greco e matematica, tenute dai nostri educatori SOS per i bambini rifugiati sul posto. Le lezioni di sostegno sono un elemento importante per l’integrazione nelle classi regolari. Il sostegno psicosociale sia per i bambini che per i genitori li aiuta a elaborare le esperienze traumatiche che hanno vissuto. I centri ben attrezzati gestiti da SOS Villaggi dei Bambini sembrano essere un’oasi di pace nella vita quotidiana dei richiedenti asilo, segnata da paure esistenziali e insicurezza. «È importante costruire relazioni positive con i bambini e le famiglie e dare loro stabilità per quanto possibile», sottolinea la mia collega Eleonora, assistente sociale e direttrice del centro. Dimitra, rappresentante dell’autorità locale per l’asilo, aggiunge che per il successo degli sforzi di integrazione è cruciale coinvolgere anche la popolazione greca. La crisi economica è stata esacerbata dalla pandemia e dalle sue conseguenze. Anche molti greci si trovano ad essere colpiti dalla povertà. Ecco perché nella città portuale di Heraklion, SOS Villaggi dei Bambini segue anche 15 bambini greci e le loro famiglie oltre a 55 bambini rifugiati.

Mentre a Creta tutti i bambini sono iscritti a scuola, un quarto dei 350 bambini rifugiati di Salonicco non va alla scuola pubblica, mi spiega il mio collega Giorgos, del centro di formazione di SOS Villaggi dei Bambini che ha sede nella città portuale sulla terraferma. L’offerta informale di SOS Villaggi dei Bambini è quindi l’unica opportunità educativa per questi bambini e ragazzi. Talvolta i lockdown hanno fatto emergere anche elementi creativi: alcune colleghe di SOS Villaggi dei Bambini Grecia hanno progettato delle cosiddette «Escape Rooms» online e trasmettono ai bambini la conoscenza online in modo giocoso. Laddove possibile, si è cercato in questo modo di assicurare che i bambini avessero accesso alle lezioni.

Grazie all’insegnamento online, i bambini possono essere raggiunti anche durante il lockdown e in tutta la Grecia.

Grazie all’insegnamento online, i bambini possono essere raggiunti anche durante il lockdown e in tutta la Grecia.

Mascherine protettive confezionate internamente presso il centro sociale SOS di Atene

Nella capitale Atene, ho l’opportunità di guardare sopra le spalle delle donne che cuciono. Le madri, che provengono principalmente dalla Siria o dall’Afghanistan, possono portare con sé i loro figli quando si recano ai corsi di formazione. Oltre alla materia trasmessa nel senso stretto e più ampio della parola, anche qui gioca un ruolo importante la costruzione della fiducia. I traduttori tirano le fila della comunicazione e spiegano la mia visita. Due donne hanno recentemente trovato lavoro, ma per la maggior parte di loro, il futuro è incerto. Il processo di asilo può durare diversi anni. Le mie colleghe Antigone e Afrodite di SOS Villaggi dei Bambini Grecia continuano ad assicurarmi quanto sia importante che i bambini non vengano lasciati indietro nell’istruzione. Questo, infatti, è l’unico modo per dare loro delle prospettive, indipendentemente da dove saranno un giorno.

Le madri possono portare con sé i loro figli ai corsi di formazione al centro per il cucito.

Le madri possono portare con sé i loro figli ai corsi di formazione al centro per il cucito.

Urs Bernhard visita il laboratorio di cucito al centro sociale di Atene.

Urs Bernhard visita il laboratorio di cucito al centro sociale di Atene.

Mentre io posso tornare a casa senza problemi dopo una settimana, per migliaia di bambini e famiglie l’odissea continua. Dopo tutti gli incontri personali, specialmente con i bambini, mi viene in mente la seguente citazione: «Tutti i nostri sforzi per il bambino abbandonato devono alla fine essere intesi come un contributo alla pace.» Nonostante un viaggio nel passato e nel presente della Grecia, questa frase non è stata scritta da uno dei suoi filosofi, ma dal fondatore di SOS Villaggi dei Bambini.

Da ottobre 2020, grazie al sostegno della Segreteria di Stato per le Migrazioni, nelle quattro sedi di Creta, Salonicco, Ioannina e Atene è stato possibile:

  • fornire un sostegno psicosociale regolare a 54 bambini e ai loro 26 genitori;
  • trasmettere competenze educative a 160 genitori;
  • istruire 584 bambini, 151 dei quali minori non accompagnati;
  • consentire a 262 bambini, 121 dei quali minori non accompagnati, di svolgere attività ricreative;
  • insegnare a cucire a 24 donne e aiutare 30 donne nella loro ricerca di un lavoro.

Responsabile del contenuto:

Urs Bernhard

Sono un esperto dei diritti dei bambini del Niger, del Nicaragua e del Lesotho.

Informazioni sulla persona
indietro