To the top button

19.07.2021 Attualità Tutti Consigli SOS: bambini e social media

  • Categorie
  • Regione

Offriamo a genitori interessati e scoraggiati consigli utili per insegnare un uso sano dei social media a bambini e adolescenti.

Instagram, Snapchat, TikTok, WhatsApp: i social media offrono molteplici possibilità e sono un appuntamento fisso nella vita quotidiana della maggior parte dei bambini e degli adolescenti. Con tutti i vantaggi e gli svantaggi collegati che i social media portano con sé. A seguito della pandemia scatenata dal coronavirus, questo aspetto si è addirittura rafforzato. Durante i periodi più rigidi del lockdown e della didattica a distanza, le piattaforme dei social media e i servizi di messaggistica hanno spesso fornito ai bambini e agli adolescenti l’unico modo per interagire con i loro coetanei e mantenere il contatto con la loro cerchia di amici. Nonostante questo, e proprio per questo, per molti genitori si pone la domanda: qual è il momento in cui mio figlio può dirsi pronto per i social media e come posso consigliarlo e fornirgli un supporto? Forniamo consigli e suggerimenti su come utilizzare i social media.

Mio figlio sui social media: posso permetterlo?

Le restrizioni di età per gli utenti sono specificate nei termini di utilizzo dei provider. Per esempio, Instagram, Snapchat e TikTok possono essere utilizzati a partire dai 13 anni, mentre WhatsApp può essere utilizzato solo a partire dai 16 anni. Queste linee guida forniscono una buona indicazione su quale piattaforma sia adatta a quale gruppo di età. Siti come Klicksafe forniscono molti altri consigli e indirizzi utili su app, offerte e meccanismi di protezione adatti all’età.

Cosa devo considerare quando permetto a mio figlio di usare i social media?

Fondamentalmente vale il seguente principio: i genitori dovrebbero essere un modello per i loro figli. Cioè: dovrebbero evitare di essere i primi a pubblicare post e a mettere like per ore e ore. Dovrebbero anche evitare di pubblicare online foto e informazioni dei loro figli senza aver prima ottenuto il loro consenso. In questo modo, si crea automaticamente la consapevolezza che la protezione dei dati e il diritto di avere voce in capitolo sono altrettanto importanti online che altrove.

Con la giusta preparazione, i bambini si muovono in modo più sicuro e responsabile sui canali dei social media.

Con la giusta preparazione, i bambini si muovono in modo più sicuro e responsabile sui canali dei social media.

1. Parlare invece di vietare

Anche quando il bambino è abbastanza grande per usare le varie piattaforme, i genitori dovrebbero continuare a stargli accanto per fornirgli consigli. «Parlare invece di vietare» era il motto. I genitori dovrebbero cercare di stabilire un approccio aperto con i loro figli sul tema dei social media. Se il bambino è turbato dai contenuti o dalle esperienze, i genitori dovrebbero essere disponibili per dargli un consiglio.

2. Impostare insieme gli account dei social media

I genitori possono, per esempio, creare un account insieme al proprio figlio e dovrebbero in ogni caso stabilire le impostazioni di sicurezza insieme. I bambini devono sapere cosa c’è dietro ogni voce in modo da poter valutare l’impatto del cambiamento di queste impostazioni. I bambini dovrebbero sempre negare l’accesso alla posizione.

3. Foto nei social media

Inoltre, i bambini devono sapere che devono avere il consenso delle persone presenti nelle foto quando le pubblicano online. È necessario anche istruire i bambini sulla pubblicazione delle proprie foto. Rendeteli consapevoli della possibilità di rendere le foto visibili solo agli amici più stretti.

4. Concordare la stipula di un contratto per l’utilizzo dei media

Anche se non sembra appropriato per l’età: la stipula di un contratto sull’uso dei media tra genitori e figlio è un mezzo collaudato per regolare l’uso dei social media e dei media digitali in generale. Oltre alla struttura, è possibile definire le parti partecipanti, gli accordi specifici per i vari media e altre regole. Allo stesso tempo, fate partecipare i vostri figli e insegnate loro ad agire in modo responsabile.

5. Come fa mio figlio a riconoscere le fake news e i falsi amici?

Innanzitutto, il consiglio è tanto chiaro quanto semplice: come regola generale, dovrebbero accettare solo richieste di amicizia da persone che conoscono e che hanno già incontrato nel «mondo reale». Per quel che riguarda le fake news, che vengono diffuse sui social media senza alcun filtro, la situazione diventa un po’ più difficile. Non appena i bambini si interessano alle notizie, è importante sensibilizzarli al tema delle fake news. La regola d’oro: fidati di una notizia solo se proviene da almeno tre fonti diverse. Questa condizione è utile contemporaneamente anche per la loro vita futura, per esempio per progetti di ricerca e la stesura di relazioni per la scuola.

In molti dei paesi del nostro progetto, ai bambini e ai giovani mancano non solo l’alfabetizzazione mediatica, ma anche l’accesso ai computer e a Internet. E oltre a questo, vengono loro a mancare prerequisiti che sono cruciali nel mercato del lavoro di oggi. Donate un corso d’informatica nel nostro shop donazioni per aiutare a risolvere questo problema.

Responsabile del contenuto:

David Becker

Rapporti sull'impatto dei nostri progetti e i singoli destini che li accompagnano sono ciò che mi motiva ogni giorno a fare ricerca e a scrivere.

Informazioni sulla persona
indietro