To the top button

05.07.2021 Aiuto d'emergenza Attualità Tutti Africa Nel Tigrè ogni giorno delle persone muoiono di fame

  • Categorie
  • Regione

350’000 persone nella regione settentrionale etiope del Tigrè stanno morendo di fame a causa della guerra civile. Anche i partecipanti al programma SOS di rafforzamento familiare sono direttamente interessati. SOS Villaggi dei Bambini quindi un ulteriore progetto di aiuto d’emergenza nell’attuale cessate il fuoco.

Berna/Addis Abeba.- Dopo mesi di violenza, il governo etiope ha annunciato un cessate il fuoco, che consentirà ai contadini di coltivare i loro campi e permettere alle organizzazioni umanitarie di lavorare senza ostacoli nel Tigrè.

Le famiglie muoiono di fame

«Almeno dieci ex partecipanti al nostro programma di rafforzamento familiare ad Adwa sono già morti di fame perché gli enti di assistenza non avevano accesso alla regione», riferisce Erika Dittli, responsabile del programma di SOS Villaggi dei Bambini Svizzera. Il programma, un progetto esemplare, doveva essere consegnato ai partner locali questo autunno. Complessivamente 587 famiglie colpite dalla povertà hanno costruito un’esistenza indipendente per se stessi e per i loro 1316 bambini grazie ad attività di formazione continua, alla creazione di piccole imprese e al sostegno nella cura dei bambini. La guerra civile che infuria dallo scorso autunno ha cancellato questi progressi. Peggio ancora, le famiglie che già vivevano in povertà sono ora a rischio di morire di fame. «Vogliamo fornire un aiuto immediato alle famiglie e ai bambini di Adwa», ha sottolineato Dittli. SOS Villaggi dei Bambini ha quindi lanciato una campagna di aiuti di emergenza per fornire aiuti alimentari e alloggi di emergenza.

«Condizioni catastrofiche»

Secondo l’ONU, 350’000 persone in Etiopia stanno attualmente morendo di fame. Altri due milioni di persone rischiano di morire di fame se gli aiuti non arrivano presto. Cifre così elevate in un solo paese non si registravano da oltre un decennio.  «Le condizioni in loco sono catastrofiche, tutto è distrutto», spiega Dittli. «Molti sono fuggiti nella città principale di Makalle, dove ad aprile abbiamo avviato un primo progetto d’emergenza quando le organizzazioni umanitarie hanno ottenuto l’accesso alla città.» Ma molte famiglie di contadini stanno ancora resistendo nelle campagne per salvare i propri averi, sperando in un aiuto. Finora invano: «Chi ha arato o seminato è stato punito, le forniture sono state saccheggiate e le derrate alimentari sono state rubate durante il trasporto», ha detto Dittli. Il cessate il fuoco e il nuovo progetto di aiuto d’emergenza di SOS Villaggi dei Bambini mirano ora a cambiare la situazione.

Aiutateci ora a salvare bambini e famiglie dalla fame.

Responsabile del contenuto:

Nathalie Rutz

Sono un addetto alle comunicazioni responsabile dei diritti dei bambini di tutto il mondo.

Informazioni sulla persona
indietro