To the top button

03.06.2021 Attualità Tutti Pandemia da coronavirus: la seconda ondata colpisce il Nepal

  • Categorie
  • Regione

In Nepal, Nirmala, un’alumna SOS, si trova in un circolo vizioso devastante in seguito alla grave pandemia di coronavirus.

Nirmala ha trascorso la sua infanzia e la sua giovinezza nel Villaggio dei Bambini SOS di Gandaki in Nepal. Oggi vive con i suoi due figli, Arpan di 15 anni e Sunil di 10, in un appartamento in affitto a Pokhara. La famiglia vive ormai da 15 anni nella città che, come molte regioni del Nepal, è al momento particolarmente colpita dalla pandemia di coronavirus. Attualmente Pokhara è soggetta a un nuovo lockdown. Nirmala ha perso suo marito l’anno scorso. Lavorava all’estero perché non riusciva a trovare lavoro in Nepal. Con la sua morte, si è perso anche l’unico reddito della famiglia.

Una tragica perdita

«La perdita mi fa ancora molto male, ma non ho tempo per piangere. Devo soddisfare i bisogni di base dei miei figli e dare loro l’amore e il sostegno extra che altrimenti avrebbe dato loro mio marito. La sua perdita ha cambiato le nostre vite per sempre. Ora devo lottare per mantenere anche lo standard di vita minimo», dice Nirmala mentre le lacrime le scorrono sulle guance. Nei primi giorni dopo la morte del marito, la famiglia riusciva ancora a sbarcare il lunario con i propri risparmi, ma si sono esauriti molto rapidamente. E senza una fonte di reddito la situazione della famiglia è diventata sempre più drammatica. «Le cose hanno cominciato a peggiorare per me e i miei figli. Ogni passo è un passo che richiede molta forza: che si tratti di pagare l’affitto del nostro appartamento o le tasse scolastiche dei miei figli. A causa della pandemia di coronavirus, la sensazione di non riuscire a venirne fuori si è fatta ancora più forte.»

Dopo la morte di suo marito, Nirmala si è messa alla ricerca di un lavoro per sé. Tuttavia, il lockdown seguito alla pandemia di coronavirus in Nepal ha reso ancora più difficile del solito trovare un lavoro. La sua perseveranza alla fine le ha fatto ottenere un lavoro come receptionist in una concessionaria d’auto. Tuttavia, la felicità non è durata a lungo: a causa della seconda ondata della pandemia di coronavirus in Nepal, la concessionaria è stata costretta a chiudere nell’ambito del lockdown ed è finita molto male.

A causa della pandemia di coronavirus in Nepal, Nirmala e la sua famiglia si trovano in una situazione disperata.

A causa della pandemia di coronavirus in Nepal, Nirmala e la sua famiglia si trovano in una situazione disperata.

La seconda ondata della pandemia di coronavirus colpisce il Nepal

«Avevo sperato di risolvere i miei problemi finanziari, ma la situazione si sta complicando per noi. È diventato difficile per me nutrire i miei figli, pagare l’affitto e finanziare le tasse scolastiche dei miei figli. Mi sentivo impotente di fronte a tutto questo, così mi sono rivolta alla mia famiglia del Villaggio dei Bambini SOS di Gandaki che mi aveva cresciuto. Mi si spezza il cuore a trovarmi di nuovo in una posizione vulnerabile. Ma non posso vedere i miei figli soffrire, quindi ho cercato aiuto dove non sono mai stata delusa prima.» Quando i collaboratori SOS di Gandaki hanno saputo di Nirmala, si sono offerti di sostenere i suoi figli con una consulenza educativa in modo che non abbandonassero la scuola a causa della loro sfortunata situazione. Nel frattempo, stanno anche facendo tutto ciò che è in loro potere per assicurare che Nirmala trovi rapidamente un lavoro adatto alle sue qualifiche.

Come Nirmala e la sua famiglia, molte persone in Nepal stanno attualmente soffrendo. Come nella vicina India, la pandemia di coronavirus sta imperversando in modo particolarmente forte. A causa di una nuova mutazione del virus, il numero di infezioni sta aumentando rapidamente. Una delle maggiori preoccupazioni di SOS Villaggi dei Bambini Nepal è che le famiglie del Programma di Rafforzamento Familiare saranno colpite ancora più duramente dal lockdown che durante la prima ondata. Molti beneficiari che lavoravano come lavoratori a giornata hanno perso il lavoro. Come Nirmala, lottano per organizzare i pasti per i loro figli e si affidano al sostegno del governo e di altre organizzazioni.

Molti di loro adesso si rivolgono a noi per garantirsi la sopravvivenza. SOS Villaggi dei Bambini sta lavorando per trovare il modo di continuare a sostenere questi bambini e le loro famiglie durante la seconda ondata della pandemia di coronavirus in Nepal. Aiutateci a stare vicino alle persone in questa situazione così straordinariamente difficile.

Responsabile del contenuto:

David Becker

Rapporti sull'impatto dei nostri progetti e i singoli destini che li accompagnano sono ciò che mi motiva ogni giorno a fare ricerca e a scrivere.

Informazioni sulla persona
indietro