To the top button

26.03.2021 Attualità Diritti dei bambini Tutti In tutto il mondo GAMING: 4 CONSIGLI PER LA GIUSTA MISURA

  • Categorie
  • Regione

Un tempo occupazione di nicchia per nerd, il tema del gaming è approdato da tempo nel mainstream. Questo vale in particolare per i bambini e i ragazzi, che si trovano perfettamente a proprio agio con console e dispositivi simili. Offriamo consigli ai genitori scoraggiati.

Twitch, Noobs, XP, F2P o PvP? La comunicazione interna e relativa ai giochi utilizzata tra i bambini e i giovani è un gergo a sé stante che fa l’effetto di una lingua straniera sui non addetti ai lavori. Ma come si fa a introdurre dei limiti commensurati all’età e il concetto di un’interazione sana senza sembrare un guastafeste ignorante? Forniamo suggerimenti su ciò a cui dovreste fare attenzione in qualità di educatori dei vostri figli in relazione a uno degli hobby più popolari.

1. Capire almeno i rudimenti

Confrontatevi con l’hobby dei vostri figli. Quali giochi preferiscono? E soprattutto, perché? Le motivazioni non solo rafforzano la vostra comprensione dei giochi, ma vi aiutano anche ad apprendere qualcosa di più su ciò che entusiasma i vostri figli. E soprattutto: vi consentono di parlare da pari a pari. Infatti l’ignoranza e il pregiudizio non solo vengono riconosciuti in un lampo dalla vostra prole, ma vi fanno anche perdere credibilità. Invece, se i figli si accorgono che i loro genitori sanno di cosa stanno parlando e mostrano un interesse genuino, questa è la base ideale per scoprire insieme questo strumento e rafforzare la fiducia.

2. Il gaming non è uno strumento educativo

Sarebbe opportuno considerare il gaming un hobby a sé stante. Scoraggiamo la pratica di utilizzare il tempo di gioco come mezzo di ricompensa o punizione, perché così facendo si attribuisce a questo tema un significato che non è corretto. A seconda dell’età, tuttavia, è abbastanza appropriato in linea di principio definire dei tempi di gioco fissi. È vero però anche il contrario: i giochi non sono un sostituto dell’assistenza. Si dovrebbe evitare a ogni costo di parcheggiare i bambini davanti alla console o di mettere loro in mano un iPad quando siamo stressati. Non sottovalutate in nessun caso la vostra funzione di modello: se passate ogni minuto libero sul vostro cellulare o riuscite a malapena a staccarvi dal vostro gioco preferito sul PC, è più difficile insegnare ai vostri figli una sana moderazione.

Ideale: Trovare l’equilibrio tra gaming digitale e giochi classici.

Ideale: Trovare l’equilibrio tra gaming digitale e giochi classici.

3. Insieme si gioca meno da soli

Mostrate attivamente interesse senza imporvi. Il gaming, contrariamente a tutti i pregiudizi, è un hobby molto sociale. Soprattutto in tempi di pandemia, si è affermato come modalità di socializzazione sicura, capace di creare legami e, non ultimo, è divertente. A seconda dell’età e del tipo di videogioco, potrete lanciarvi in un’avventura digitale insieme ai vostri figli: da amichevoli partite di calcio o Rocketball a complicati duelli in Deckbuilders. Inoltre, in questo modo, il passaggio dal digitale all’analogico riesce spesso in modo giocoso. Se fuori il tempo è bello, nulla vi impedisce di passare dalla FIFA sullo schermo al campo di calcio. Anche il fascino dei classici giochi da tavolo con tutta la famiglia per una serata di giochi ha ancora la sua ragion d’essere.

4. La classificazione per età non è un lasciapassare

L’organo di autoregolamentazione del software tedesco (USK) e il PEGI europeo (Pan European Game Information) offrono solo una classificazione approssimativa con le loro raccomandazioni, che decorano le confezioni di tutti i giochi e possono anche essere rapidamente reperite online. Le due associazioni si occupano, però, principalmente della questione della violenza, senza tenere conto delle esigenze tematiche, della maturità del singolo bambino e delle forme più «nuove» come le app e i giochi online. Ecco perché anche a questo proposito vale il detto: «Parlare è argento, capire è oro.» Imparate a usare i giochi, discutete gli aspetti problematici con i vostri figli e trovate insieme giochi divertenti e adatti alla loro età. Coinvolgete sempre i vostri figli. Naturalmente, hanno voce in capitolo quando si tratta di regole che riguardano la loro vita quotidiana e il loro tempo libero.

Avete altre domande su questo argomento? Scriveteci a info@sosvillaggideibambini.ch e saremo felici di aiutarvi.

Responsabile del contenuto:

David Becker

Rapporti sull'impatto dei nostri progetti e i singoli destini che li accompagnano sono ciò che mi motiva ogni giorno a fare ricerca e a scrivere.

Informazioni sulla persona
indietro