To the top button

26.02.2021 Attualità Tutti Asia Il governo del Nepal vuole vietare alle ragazze e alle donne di viaggiare

  • Categorie
  • Regione

Se i divieti promuovano i diritti delle donne è attualmente dibattuto non solo in Svizzera, ma anche in Nepal. Per contrastare il traffico di esseri umani, il Nepal vuole vietare alle donne e alle ragazze di viaggiare senza il permesso della famiglia. Questo non risolve il problema, enfatizza SOS Villaggi dei Bambini.  

Il governo del Nepal vuole emanare una nuova legge che vieterà alle donne sotto i 40 anni di viaggiare in Medio Oriente o in Africa a meno che non abbiano il permesso della loro famiglia e del governo locale. Lo rende noto SOS Villaggi dei BambiniL’obiettivo della legge proposta dovrebbe essere quello di proteggere le giovani ragazze e le donne dal traffico di esseri umani, ma questo non è il modo giusto per farlo. Ci sono proteste in tutto il paese: i manifestanti chiedono l’abrogazione della legge e protestano contro la discriminazione dice Ishwori Sharma, direttore di SOS Villaggi dei Bambini in Nepal. 

Divieto o sostegno? 

Il traffico di esseri umani è un grande problema in Nepal. Solo nel 2018 35’000 persone ne sono state vittime, tra cui 20’000 ragazze e donne. Nella grande maggioranza dei casi  venivano attirate all’estero con false promesse e sfruttate o costrette a prostituirsi. Ishwori Sharma afferma: Dobbiamo andare alla radice di questo problema se vogliamo estirparlo: tutti i bambini devono ricevere una buona educazione e opportunità di sviluppo in modo che non si ritrovino in una situazione di emergenza, che li conduce spesso nelle grinfie dei criminali. Hanno bisogno di essere educati sui pericoli. I trafficanti di esseri umani devono essere puniti più severamente. Anche Erika Dittli, Responsabile programmi presso SOS Villaggi dei Bambini Svizzera, sottolinea: “Più importante dei divieti sarebbe la promozione dei diritti delle donne, mansione anche di SOS Villaggi dei Bambini, forte del suo lavoro”. Questo argomento è attualmente discusso in modo controverso in Svizzera nel contesto dell’iniziativa per il divieto del burqa. 

È necessario un cambiamento di prospettive 

Negli scorsi anni il Nepal ha icompiuto grandi passi avanti in termini di parità di diritti: il paese è governato da un presidente donna e un terzo dei seggi in parlamento sono riservati alle donne. Ma  le ragazze e le donne sono ancora svantaggiate in molti modi. Soprattutto nelle zone rurali, le strutture patriarcali sono ancora prevalenti”, dice Ishwori SharmaIn questi contesti una donna può essere istruita quanto vuole e tuttavia avrà voce in capitolo solo in cucina. È qui  che risulta necessario un cambiamento fondamentale. 

 Nei villaggi dei bambini SOS, le ragazze sono sostenute attivamente e crescono su un piano di parità con i ragazzi. Nelle comunità, l’organizzazione umanitaria promuove campagne contro la discriminazione e crea consapevolezza per i diritti delle ragazze e delle donne. 

Responsabile del contenuto:

Nathalie Rutz

Sono un addetto alle comunicazioni responsabile dei diritti dei bambini di tutto il mondo.

Informazioni sulla persona
indietro