To the top button

25.02.2021 Attualità Tutti In tutto il mondo Grandi viaggi e dure verità: il racconto di Kiki Mäder

  • Categorie
  • Regione

Nel suo post sul nostro blog l’ambasciatrice di SOS Villaggi dei Bambini Kiki Maeder racconta come ha imparato da adolescente che la povertà di solito permea le destinazioni di viaggio esotiche.  

 16 anni la mia migliore amica e io non vedevamo l’ora di andare in India. Abbiamo decorato la fronte con i bindi, indossato molti gioielli indiani (preferibilmente con campanelline), la voce di Ravi Shankar dei Sitar a vele spiegate e naturalmente le nostre stanze odoravano fortemente di bastoncini d’incenso. Insomma, eravamo dei perfetti adolescenti.

Il primo grande viaggio 

Mio padre, che con la sua attività di trasporto ha viaggiato spesso in India, sorrideva alle nostre stranezze. “L’India è molto più di questo. Dovete sperimentarlo”, mi disse allora e  nelle seguenti vacanze estive  mi concesse  di essere ospite per quattro settimane  presso una famiglia indiana a Nuova Delhi. Era la prima volta da sola così lontana da casa. Sono stata sopraffatta da questa città; da molte persone, dal caos organizzato, i colori brillanti, gli odori, le mucche in mezzo alla strada… Era affascinante. Quello che io tuttavia ho anche visto sono state le immagini raramente mostrate nelle guide di viaggio e nelle riviste patinate:  tanta sporcizia, la spazzatura e la grande povertà di questa città.  

 Il sovraccarico totale 

Naturalmente mi distinguevo per la mia statura e il colore della mia pelle chiara. Ovunque  andassi,   bastavano due minuti per finire circondata da bambini che chiedevano l’elemosina. Mai prima di allora  mi ero confrontata con la grande povertà del nostro mondo . Bambini affamati che mi guardavano con i loro grandi occhi e mi tendevano la mano. Una volta ho sentito qualcosa che mi ha afferrato improvvisamente il ginocchio. Era un bambino senza gambe, solo il busto su una piccola tavola con ruote. Un’immagine che ancora  oggimi è rimasta incisa nella mente. Queste situazioni mi hanno sopraffatta  totalmente. Naturalmente ho dato dei soldi ai bambini, bisognava aiutarli dopotutto! Che questa sia una falsa credenza mi è stato amorevolmente spiegato dalla mia famiglia indiana ospitante.  

Kiki Mäder in India

Ancor prima di Happy Day & co: Kiki Mäder a 16 anni nel suo primo grande viaggio in India.

La dura verità 

Questi bambini sono di solito inviati direttamente dai loro genitori, sapendo che gli occhi dei bambini innocenti hanno un effetto più potente rispetto agli adulti che chiedono l’elemosina. Se questa ipotesi è confermata, la dipendenza continua. I bambini continuano ad essere mandati a mendicare invece di frequentare la scuola. Particolarmente crudeli sono i clan organizzati che rapiscono e addirittura mutilano deliberatamente i bambini per un effetto ancora più drammatico. E infatti, durante il mio soggiorno ho visto un numero spaventoso di bambini con arti mancanti. 

L’ispirazione per il mio impegno 

Questo viaggio e le esperienze hanno sortito un effetto duraturo in di me. È stato il momento in cui ho deciso che volevo aiutare i bambini del mondo che vivono in povertà con un approccio sostenibile. In SOS Villaggi dei Bambini Svizzera ho trovato un’organizzazione di soccorso che può operare secondo le mie idee, in modo trasparente ed efficace I bambini dei villaggi SOS crescono in un ambiente affettuoso e sicuro. Ma il rendimento sociale dei villaggi SOS mostra anche che i genitori e i bambini, isostenuti hanno introiti migliori. Quindi, anche l’economia locale beneficia direttamente degli investimenti sul posto del progetto. Mi piace anche il modo di lavorare flessibile e dinamico di SOS Villaggi dei Bambini Svizzera. Si impegnano nei luoghi dove viè maggiore  urgenza. Per esempio, alla fine del 2020 hanno lanciato un programma ad Atene, Salonicco, Creta e Ioannina per aiutare i molti bambini e minori non accompagnati tra gli oltre 120’000 rifugiati in in Grecia per proteggerli da ulteriori esperienze traumatiche il più possibile 

Il futuro 

Il denaro è sia la causa che la soluzione della povertà. Vorrei trasmettere questa importante conoscenza ai miei figli. Sono ancora troppo giovani per capire il circolo vizioso, ma quando saranno più grandi voglio che capiscano l’importanza e l’efficacia del denaro, così come la distribuzione non equa a livello globale. Forse con un viaggio in India.  

Responsabile del contenuto:

Nathalie Rutz

Sono un addetto alle comunicazioni responsabile dei diritti dei bambini di tutto il mondo.

Informazioni sulla persona
indietro