To the top button

05.08.2020 Attualità SOS Villaggi dei Bambini Svizzera Tutti Svizzera La prima grande ONP svizzera ad accettare donazioni in criptovalute

  • Categorie
  • Regione

A causa del coronavirus, Bitcoin e compagnia sono tornati alla ribalta. SOS Villaggi dei Bambini è la prima grande organizzazione umanitaria in Svizzera ad offrire la possibilità di donare in criptovalute.

Berna – Le incertezze economiche causate dalla pandemia di coronavirus stanno contribuendo a una nuova tendenza al rialzo delle criptovalute. Anche le organizzazioni umanitarie hanno scoperto le criptovalute come nuove possibilità di donazione. La Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera è la prima grande organizzazione non profit (ONP) in Svizzera a rendere ora possibile la donazione in criptovalute.

Un passo verso il futuro

Già oggi è possibile effettuare donazioni a SOS Villaggi dei Bambini via SMS, Twint e naturalmente anche tramite e-banking. A cosa serve aggiungere la possibilità di donare in criptovalute? “In qualità di organizzazione non profit innovativa, SOS Villaggi dei Bambini è costantemente alla ricerca di nuovi modi per rendere più moderna la donazione. La donazione tramite criptovalute è un ulteriore passo in questa direzione”, spiega Derya Kilic, responsabile Digital presso SOS Villaggi dei Bambini.

Inoltre, l’ente assistenziale per l’infanzia attivo a livello mondiale vuole rivolgersi anche a nuovi gruppi target con questo canale di donazione. “Tra i giovani investitori e gli appassionati del web che hanno familiarità con le criptovalute, ci sono molti filantropi che investono volentieri i loro profitti in una buona causa. Vogliamo raggiungere queste persone”, dice Kilic. “Per esempio, con un Bitcoin un donatore può permettere a 50 bambini di andare a scuola per un anno intero”

La sicurezza prima di tutto

E come funziona? Quando i donatori selezionano l’opzione di pagamento in criptovalute sul sito web di SOS Villaggi dei Bambini, vengono reindirizzati ad una pagina di pagamento del provider di cripto-pagamenti Coinify. Qui è possibile selezionare la criptovaluta desiderata da una lista e quindi ricevere un tasso di cambio valido per 15 minuti, oltre ai dettagli del pagamento in formato testuale e come codice QR. Con un cosiddetto cripto-wallet i donatori possono infine completare la transazione.

E questo è sicuro? Per garantire la sicurezza della donazione, SOS Villaggi dei Bambini collabora con la società svizzera specializzata in pagamenti online Datatrans AG e con la nota start-up Coinify. “Le due aziende si sono fatte un nome nel settore delle criptovalute e hanno già reso possibili i pagamenti con criptovalute ad aziende come Digitec e Galaxus”, spiega Mario Colombo dell’agenzia digitale what., che ha supportato SOS Villaggi dei Bambini nell’implementazione del nuovo canale di donazione.

In concreto, ciò significa che le donazioni in criptovalute sono accettate solo se provengono dalla Svizzera attraverso un intermediario finanziario verificato dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari. SOS Villaggi dei Bambini non si aspetta di certo che già domani arrivino centinaia di criptodonazioni, “ma siamo preparati per il futuro e, grazie a partner competenti, abbiamo già oggi il know-how necessario”, sottolinea Kilic.

Contatto per i media:
Nathalie Rutz
Portavoce Fondazione SOS Villaggio dei Bambini Svizzera
Tel.: 031 979 60 64
E-mail: nathalie.rutz@sos-kinderdorf.ch

Responsabile del contenuto:

Nathalie Rutz

Sono un addetto alle comunicazioni responsabile dei diritti dei bambini di tutto il mondo.

Informazioni sulla persona
indietro