To the top button

17.09.2019 Attualità Tutti In tutto il mondo Ogni bambino ha diritto a un’opportunità

  • Categorie
  • Paesi

Pari opportunità e povertà – il mondo potrebbe essere un posto più equo, almeno per i bambini.

 

«Tutti i bambini devono essere felici», se lo augura Suna (5) sulla copertina della nostra rivista. E il mondo sarebbe certamente migliore se tutti i bambini fossero felici, ma purtroppo le opportunità non sono uguali per tutti. E, siamo sinceri: le pari opportunità non esistono. Anche da noi non tutti godono delle stesse possibilità. Ci sono famiglie che hanno ingenti disponibilità economiche da investire nell’istruzione dei figli e per pagare loro ripetizioni e corsi di sostegno, mentre altre no. Il portafoglio dei genitori decide se un bambino può aspirare alla migliore formazione e quindi anche a un futuro professionale di successo. Pari opportunità e mezzi finanziari sono pertanto due facce della stessa medaglia.

Contribuite anche voi a un mondo più giusto per i bambini.

 

Ma cosa accade quando il denaro manca del tutto e non si riesce a far fronte nemmeno ai bisogni primari? Uno sguardo ai paesi meno sviluppati svela un quadro desolante in tema di pari opportunità. Lì, il lavoro minorile è una vera e propria routine. Sono infatti numerosi i bambini in età scolare che scavano a mani nude all’interno di fosse lasciate dall’esplosione di mine o cavità nel terreno in cerca di rare materie prime. A precisa domanda, tutti rispondono di essere costretti a lavorare ma che preferirebbero andare a scuola. Non sono loro a volere sollevare pesantissimi secchi o contenitori da fosse tutt’altro che sicure. Purtroppo però le offerte formative sono fuori dalla loro portata. La povertà costringe i genitori a mandarli a lavorare; altrimenti, sostengono, non si riesce nemmeno a sopravvivere. Da qui si eleva il nostro appello per maggiori pari opportunità, un appello che si trasforma in un vero e proprio grido d’allarme di fronte ai casi dei bambini disabili in questi paesi: nascosti dalle loro famiglie o costretti a elemosinare dal destino, questi bambini trascorrono gran parte della vita isolati dal resto della comunità. È evidente che alcuni paesi sono lontani anni luce rispetto ad altri in fatto di pari opportunità, come su una bilancia che pende completamente da una parte sola. In simili condizioni è difficile creare pari opportunità. Ma pensiamo anche che i due piatti della bilancia devono obbligatoriamente essere riequilibrati. Ogni bambino ha diritto a un’opportunità. Chi si impegna a favore dei bambini in stato di bisogno mostra umanità e si assume la responsabilità verso le generazioni future. La formazione ricopre un ruolo centrale in tutti i nostri progetti. Solo la formazione può rompere il circolo vizioso della povertà. Sosteniamo i genitori anche con corsi di formazione e microcrediti. In questo modo permettiamo loro di incrementare il loro reddito così da non essere più costretti a mandare i figli al lavoro anziché a scuola. I nostri progetti di formazione e rafforzamento familiare proteggono i bambini dal lavoro minorile. Ci impegniamo per un’equa ripartizione delle opportunità

SOS Villaggi dei Bambini si adopera da oltre 70 anni in tutto il mondo per dare ai bambini l’opportunità di essere artefici del proprio futuro. Leggete di più sul tema delle opportunità  nell’articolo che descrive un interessante progetto per bambini disabili in Etiopia.

 

Per scoprire cosa accomuna le pari opportunità e il make-up, visitate: youtube.com/watch?v=IeR-h9C2fgc