To the top button

30.08.2019 Aiuto d'emergenza Attualità Programma di aiuti Tutti In tutto il mondo Scoppio dell’ebola in Africa occidentale: “Vivo per curare i miei pazienti”

  • Categorie
  • Paesi

Durante l’epidemia dell’ebola in Africa occidentale, scoppiata fra il 2013 e il 2015, oltre 28’000 persone hanno contratto il virus, che ha mietuto un numero di vittime pari a 11’000Anche Klubo Mulbahmedico e responsabile del team in Liberia, ha contratto il virus dell’ebola nel 2014, mentre curava i pazienti presso il villaggio dei bambini SOS a MonroviaKlubo Mulbah racconta le sue esperienze durante la crisi dell’ebola in Liberia.  

 

Il 2014 è stato un anno pericoloso e preoccupante per il personale curante in Liberia. La maggior parte degli ospedali di Monrovia aveva già chiuso per visite di routine. Il centro sanitario SOS era uno dei pochi luoghi a disposizione della popolazione per visite mediche generali o per effettuare i test dell’ebola. Tuttavia, riconoscere il virus dell’ebola era particolarmente complesso per noi, poiché alcuni sintomi erano simili a quelli della malaria, del tifo e di altre patologie endemiche. Spesso le persone si recavano in clinica e rimettevano sangue. Eravamo costretti a essere testimoni del loro dolore ogni singolo giorno 

All’inizio dell’epidemia la mia famiglia mi disse di lasciare il mio posto di lavoro presso il centro medicale SOS. Le mie sorelle, che risiedevano negli Stati Uniti, mi chiamavano ogni giorno e sostenevano che il mio lavoro fosse troppo pericoloso. Eppure non ce l’ho fatta a tornare. Salvare vite umane per me è un dovere 

Un paio di settimane dopo aver curato diversi pazienti che avevano contratto il virus dell’ebola e dopo aver perduto un membro del mio team, ho iniziato a sentire alcuni dolori io stessa. Sono arrivata in ospedale e ho detto ai miei colleghi che ero malataDopo aver condotto alcuni test, abbiamo scoperto che avevo contratto il tifo. Mi hanno quindi ricoverata, curata e dimessa. Alcuni giorni dopo un’ambulanza mi ha trasportata al centro di trattamento dell’ebola di Medici senza frontiereAvevo avuto una ricaduta e ormai sapevo di aver contratto l’ebola”.  

“Se dovessi rivivere questo capitolo ancora una volta, probabilmente mi comporterei esattamente allo stesso modo. Se avessi abbandonato la nave nel bel mezzo della tempesta, non mi sarei mai più potuta guardare allo specchio. Sono la responsabile del team e soprattutto medico per un motivo ben preciso: contribuire a salvare vite umane.” 

 

Dopo alcune settimane di cure sono stata nuovamente dimessa e sono tornata a casa, dalla mia famiglia. L’aspetto più drammatico dell’ebola è che ti priva dell’umanità, specialmente per quanto riguarda i rapporti con la famiglia. Ho dovuto vivere isolata senza alcun contatto con loro per 90 giorni. Per proteggerli, ho dovuto erigere una barriera fra me e i miei figli. Quando dovevano toccarmi, i miei familiari indossavano dei guanti e dovevo sempre mangiare da sola. Niente abbracci, coccole e momenti d’intimità. Inoltre, ho dovuto imparare nuovamente tutto da zero: ho reimparato a camminare, perché durante le cure la mia gamba sinistra ha perso la sensibilità.  Ero talmente debole che dovevo chiedere aiuto persino per aprire una bottiglia d’acquaE ancora oggi sento che la mia gamba sinistra è a tratti insensibile. Anche la vista è peggiorata.  

Klubo Mulbah, medico e responsabile del team in Liberia, ha contratto il virus dell’ebola nel 2014, mentre curava i pazienti presso il

 

Ebola in Africa occidentale:

Klubo Mulbah, medico e responsabile del team in Liberia, ha contratto il virus dell’ebola nel 2014, mentre curava i pazienti presso il villaggio dei bambini SOS a Monrovia.