To the top button

25.02.2019 Attualità Diritti dei bambini Tutti In tutto il mondo Il taglio che rovina il futuro di ogni ragazza

  • Categorie
  • Paesi

Oltre 200 milioni di donne e ragazze in tutto il mondo sono vittime della mutilazione genitale femminile. In molti paesi dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Indonesia, per molte ragazze l’ingresso nell’età adulta è indissolubilmente segnato dal dolore. Tale mutilazione prevede la rimozione parziale o completa degli organi genitali, come il clitoride o la vulva. La pratica si svolge solitamente prima del compimento del 15° anno di età e le sue conseguenze sono a lungo termine: minzione particolarmente difficoltosa, rapporti sessuali talvolta preclusi o accompagnati da forti dolori, complicazioni al momento del parto, traumi e sterilità.

La tradizione è fortemente radicata a livello culturale e deve essere estirpata tramite iniziative di sensibilizzazione intraprese da attori locali. SOS Villaggi dei Bambini si impegna da molti anni per la parità dei diritti di donne e bambine e, di conseguenza, contro la tradizione delle mutilazioni genitali. L’ente sostiene la lotta delle donne con campagne di sensibilizzazione. Inoltre SOS Villaggi dei Bambini offre assistenza medica alle donne e alle bambine coinvolte, rafforza e forma le donne e combatte l’emarginazione sociale. Le generazioni future non devono subire le sofferenze e il lutto descritti nella seguente storia. Soraya, sua madre e sua nonna hanno dovuto sottoporsi alla mutilazione dei propri organi genitali per rispettare una tradizione che causa sofferenze permanenti.

“Adesso sei una donna, congratulazioni!”

Con queste parole Soraya è stata riaccompagnata da sua madre, sua nonna e le sue sorelle che, felici, si sono strette intorno a lei per complimentarsi. Lei si limitava ad annuire nascondendo il suo dolore. Le lacrime non sarebbero state adatte a un giorno così importante e nessuno voleva ferire l’orgoglio della nonna. Giorni dopo, Soraya è svenuta mentre lavava i panni. Perdeva sangue dal basso ventre, l’infezione non poteva più essere fermata. Soraya è morta a nove anni a causa di una tradizione che ufficialmente è illegale, ma è ancora praticata: la mutilazione genitale femminile.

Sono molteplici i sedicenti motivi di questa pratica, potenzialmente letale: il clitoride diventa un pene se non è rimosso, la mutilazione permette di rimanere vergini o inibisce il desiderio sessuale garantendo quindi fedeltà. Le bambine che rifiutano di sottoporsi a questa pratica non possono sposarsi e sono emarginate dalla comunità insieme a tutta la loro famiglia. Questo è un motivo per cui madri e nonne mantengono viva la tradizione delle mutilazioni genitali, nonostante i dolori sofferti dalle bambine.

Alla morte dolorosa della figlia Soraya, la madre devastata non ha più resistito e tale drammaticità ha fatto aprire gli occhi anche alla nonna. Eppure, cosa si può fare per remare contro? Da una vicina aveva saputo dell’impegno e della campagna di sensibilizzazione di SOS Villaggi dei Bambini: le mutilazioni genitali sono una violazione dei diritti umani! Non importa in che modo sono praticate: le bambine hanno il diritto all’integrità della persona e alla salute e le donne hanno il diritto all’autodeterminazione, incluso poter vivere la propria sessualità senza subire sofferenze.

Sensibilizzare sui diritti delle donne

A causa della morte della nipote Soraya, nonna Mary ha iniziato a combattere. Non demonizza tutto a priori però, bensì collabora con i capi della comunità alla ricerca di alternative per un passaggio rituale e delicato all’età adulta, che non contempli sangue e dolore. Anche le donne che praticano le mutilazioni genitali fanno parte di questo processo, in quanto è necessario trovare fonti di reddito diverse.

Anche uomini e padri stanno iniziando a pensare diversamente. “Molti uomini che vivono nelle zone rurali del Kenya pretendono che le loro future spose siano state sottoposte a mutilazioni genitali perché sono sempre stati abituati così e non concepiscono altro”, spiega Christopher Oloishuroh Murray. L’insegnante 47enne si impegna da molti anni contro le mutilazioni genitali. “Il keniota moderno e sensibilizzato in generale non vuole che le sue figlie siano sottoposte a questa pratica.”

Sostegno da parte di SOS Villaggi dei Bambini

SOS Villaggi dei Bambini si impegna da molti anni per la parità dei diritti di donne e bambine e, di conseguenza, contro la tradizione delle mutilazioni genitali. SOS Villaggi dei Bambini sostiene la lotta di donne come nonna Mary con campagne di sensibilizzazione. Inoltre SOS Villaggi dei Bambini offre assistenza medica alle donne e bambine coinvolte, rafforza e forma le donne e combatte l’emarginazione sociale. Le generazioni future non devono subire le sofferenze e il lutto vissuti dalla famiglia di Soraya.

 

Questi contributi potrebbero interessare anche lei.

 
8. Marzo 2019

Giornata Internazionale della donna 2019

Oggi, l’8 marzo, Giornata internazionale della donna, SOS Villaggi dei Bambini si impegna a livello globale a favore di donne, ragazze e bambine.

Continua a leggere
 
21. Febbraio 2019

I bambini non sono soldati

Se esiste qualcosa di più drammatico delle guerre, è il coinvolgimento dei bambini…

Continua a leggere
 
24. Gennaio 2019

Bambini soldato in Yemen: carne da macello al fronte

Stando ai dati di SOS Villaggi dei Bambini a livello globale, in Yemen l’esercito arabo-saudita si serve di ragazzini e ragazzine provenienti dal Sudan come bambini soldato.

Continua a leggere