To the top button

Una battaglia contro isolamento e tabù.

In Africa, molti bambini giungono ai villaggi dei bambini SOS a causa dell’AIDS: hanno perso i genitori a causa dell’epidemia o risultano essi stessi sieropositivi. SOS Villaggi dei Bambini offre a questi piccoli molto più che il calore di una casa: l’assistenza comprende infatti tutti gli aspetti volti a garantire una vita ai bambini e alle famiglie colpiti da AIDS e HIV.  

SOS Villaggi dei Bambini sostiene a livello globale i bambini che hanno perso o rischiano di perdere i propri genitori e si confronta quindi quotidianamente con l’AIDS, in particolare nel Sud del continente africano. Questa malattia è uno dei principali motivi che conducono i bambini ai villaggi SOS o per cui le famiglie necessitano di aiuto.

Nella lotta contro l’AIDS, l’organizzazione ha quindi avviato l’espansione mirata del proprio programma già da diversi anni. Cuore dell’operato rimangono i villaggi dei bambini SOS, presso i quali vengono attualmente assistiti circa 60’000 bambini e ragazzi. Forte della propria esperienza di lunga data e al fine di aiutare quanti più bambini possibile, SOS Villaggi dei Bambini ha sviluppato programmi volti al rafforzamento delle famiglie a rischio povertà e malattie. In Africa, molte famiglie rischiano infatti di disgregarsi a causa dell’epidemia di AIDS. Il sostegno mirato di membri della famiglia malati di AIDS quali genitori, nonni a cui sono affidati i nipoti e ragazzi cui spetta il compito di crescere i fratelli più piccoli contribuisce a evitare che i bambini finiscano sulla strada. Attualmente SOS Villaggi dei Bambini sostiene circa 80’000 ragazzi e ragazze a livello globale al di fuori dei propri villaggi. Obiettivo di SOS Villaggi dei Bambini è l’ulteriore ampliamento nei prossimi anni dei programmi di sostegno per famiglie a rischio.

Così, SOS Villaggi dei Bambini combatte l’AIDS puntando su programmi di rafforzamento familiare (PRF). Vedove con diversi bambini abbandonate a se stesse a seguito della scomparsa dei propri mariti per via dell’AIDS possono quindi contare sul sostegno di nonni che si curano dei nipoti rimasti orfani, mentre i ragazzi destinati ad occuparsi dei fratelli minori ricevono supporto. SOS Villaggi dei Bambini sostiene queste famiglie fornendo assistenza medica, generi alimentari, corsi di formazione e pagando le tasse scolastiche. Così, circa 27’000 bambini e ragazzi, la maggior parte dei quali provenienti dall’Africa subsahariana, ottengono un grande aiuto.   Un contributo importante nella lotta contro l’AIDS proviene inoltre dai singoli villaggi dei bambini, dove gli orfani a causa della malattia o i piccoli sieropositivi senza il sostegno della propria famiglia trovano rifugio. Le madri SOS ricevono una formazione particolare volta all’assistenza dei bambini affetti dall’AIDS, mentre i centri medicali SOS propongono test rapidi gratuiti, assistenza medica e consulenza.

Inoltre, i collaboratori SOS offrono ai piccoli in lutto anche assistenza psicologica. La sensibilizzazione è punto di partenza nella notta contro l’AIDS. Gli asili SOS, le scuole HermanGmeiner, i centri sociali, medicali e di formazione professionale SOS informano bambini, ragazzi e adulti in merito alla malattia e alle misure di prevenzione contro l’infezione. Tale sensibilizzazione non è volta alla prevenzione fine a se stessa, ma mira anche a contrastare l’emarginazione delle persone affette da AIDS e dei loro parenti.

Questi contributi potrebbero interessare anche lei.

 
21. giugno 2018

Mondiali di calcio 2018: un sogno che si realizza

Per il piccolo Oscar, 9 anni, del villaggio dei bambini peruviano di Pachacamac…

Continua a leggere
 
20. giugno 2018

Giornata internazionale del rifugiato: ecco come aiutiamo

SOS Villaggi dei Bambini non è operativa solamente in occasione della Giornata internazionale del rifugiato, bensì…

Continua a leggere
 
13. giugno 2018

Crisi in Nicaragua

La situazione precipita: carri armati in strada, 138 vittime e un giovane SOS gravemente ferito …

Continua a leggere