To the top button

Salman (12) Aiutate Salman
a superare il suo trauma.

Nel mondo, un bambino su sei cresce in una zona di conflitto. Bambini come Nada e Salman sono esposti nel loro paese a situazioni di violenza da cui non possono difendersi. Sono costretti ad assistere a situazioni orribili e a subire la perdita di amici e parenti.

SOS Villaggi dei Bambini aiuta i bambini a superare i loro traumi direttamente in loco. Disegno da Nada nell’ambito della terapia artistica per bambini traumatizzati nel villaggio SOS di Saboura, in Siria.


Salman (9)
Saboura, Siria

Nei primi disegni che Salman crea nell’ambito della terapia artistica per bambini traumatizzati si vedono missili e persone in fuga. “Quando ho fatto questo disegno, il mio cuore batteva forte forte”, racconta il dodicenne Salman alla sua psicologa SOS.

Salman e i suoi cinque fratelli e sorelle hanno perso il papà nel conflitto. Allora la famiglia viveva nella zona est di Ghouta, una regione assediata e quasi completamente tagliata fuori dal mondo. Insieme alla mamma, i sei orfani di padre fuggono a Damasco. Dopo poco tempo, tuttavia, la madre di Salman si ammala gravemente e non può più accudire i figli. Nel bisogno decide di portare i quattro fratelli e sorelle più grandi in un centro di accoglienza provvisoria del villaggio dei bambini SOS di Damasco. La permanenza nell’alloggio di emergenza è limitata a non più di 6 mesi. Non potendo però trovare un’altra sistemazione, i quattro piccoli restano lì per altri due anni.

Nel 2018 i due fratelli maggiori vengono trasferiti nel centro giovanile del villaggio dei bambini SOS. Salman e la sorellina Baraa (8) trovano protezione presso il villaggio dei bambini SOS di Saboura. La sorella più piccola vive tuttora con la madre naturale.

Con la mamma SOS, Salman e Baraa sono tornati a vivere una vita tutto sommato normale. Frequentano la scuola, giocano e ricevono aiuto psicologico per superare i traumi.

Nell’arteterapia per bambini traumatizzati, Salma ha imparato a parlare delle sue esperienze traumatiche. Se all’inizio della terapia disegnava ancora missili, Salman si ritrae ora come un calciatore famoso. Nell’ambito dell’a terapia artistica per il trattamento del trauma, parla con la psicologa SOS delle sue paure, del suo stato d’animo e dei sogni che ha per il futuro.

Per tutelare i bambini, SOS Villaggi dei Bambini non utilizza i loro veri nomi. I filmati, girati previo consenso di terapeuti e tutori, mostrano una conversazione tra i bambini e la loro psicologa SOS.

 

Donazione immediata