Un’economia in crescita, di fronte a tante sfide

La povertà in India è molto diffusa. Più duramente colpiti sono, però, le regioni rurali e i quartieri poveri delle grandi città. Oltre alla povertà, l’India ha molti altri problemi da risolvere: tra questi la sovrappopolazione, l’inquinamento ambientale e la corruzione ampiamente diffusa.

 
L’India è il settimo Paese più grande del mondo e il secondo in termini di densità della popolazione. La popolazione ha ormai superato 1,2 miliardi di persone (stima luglio 2011), la capitale Nuova Delhi ha 21,7 milioni di abitanti. L’India è un gigantesco, complesso Paese con molte diverse lingue, culture e religioni.

Nel corso degli ultimi decenni l’India si è sviluppata fino a diventare una importante potenza economica. Fin dall’inizio del processo di liberalizzazione economica negli anni ’90, l’India ha fatto cose sorprendenti – dal 1997 la crescita media del prodotto interno lordo (PIL) supera il 7% annuo. Nel 2010 il PIL è cresciuto addirittura di oltre il dieci percento. In India l’economia è mista – più della metà della popolazione è occupata nell’agricoltura, ca. il 14 percento nell’industria e il 34 percento nel settore dei servizi.

Durante l’ultimo decennio l’India ha potuto raddoppiare i salari orari ed è cresciuto il numero di persone che oggi vivono al di sopra del livello di povertà stabilito dallo Stato. Ciononostante non tutti hanno beneficiato della crescita economica; un quarto della popolazione continua a vivere nella povertà.

La povertà in India è molto diffusa. Più duramente colpiti sono, però, le regioni rurali e i quartieri poveri delle grandi città. Le regioni rurali sono inoltre confrontate con i problemi derivanti dalla carenza di infrastrutture o dal pessimo stato di quelle esistenti – per esempio, solo l’84 percento della popolazione ha accesso all’acqua potabile e solo il 21 percento può disporre di attrezzature e impianti sanitari in buono stato. Sebbene circa il 70 percento degli abitanti vivano nelle regioni rurali, il numero di persone costrette ad emigrare nelle città alla ricerca di un lavoro cresce costantemente.

Oltre a quello della povertà, l’India si trova confrontata con tanti altri problemi: tra questi la sovrappopolazione, l’inquinamento ambientale e la corruzione ampiamente diffusa. Il tasso di alfabetizzazione continua ad essere modesto ed è di circa il 73 percento per gli uomini e del 48 percento per le donne. L’accesso ad un’assistenza sanitaria di buon livello è altrettanto problematico. L’aspettativa di vita è attualmente di soli 65,7 anni per gli uomini e di 67,9 anni per le donne. Si stima che 2,4 milioni di persone vivano con l‘HIV/Aids (stima 2009).
  • La condizione dei bambini

    In India vivono più di 447 milioni di bambini e giovani di età inferiore ai 18 anni. Nonostante alcuni miglioramenti intervenuti negli ultimi decenni, circa la metà di loro vivono in condizioni caratterizzate da notevoli difficoltà e privazioni. Per saperne di più...
  • Il lavoro di SOS Villaggi dei Bambini

    Attualmente in India vi sono 41 villaggi dei bambini SOS con annessi istituzioni per la gioventù SOS e asili infantili SOS, 16 scuole SOS Hermann-Gmeiner, 9 centri SOS di formazione professionale, 34 centri sociali SOS (incl. programmi di rafforzamento famigliare) e 2 centri medici SOS. Per saperne di più...